.
Annunci online

Riks Il pensiero debole di uno qualunque
Record
post pubblicato in libere voci, il 20 giugno 2010
La situazione politica italiana è talmente grottesca, talmente assurda che c'è da restare allibiti al fatto che i cittadini non reagiscano.
E' un record mondiale il fatto che un ministro della Repubblica Italiana, sulla cui Costituzione ha giurato fedeltà, e dalle cui casse percepisce un lauto stipendio, possa proclamare nei suoi deliranti comizi, letteralmente con la bava alla bocca, che per la secessione del Nord «Sappiamo che ci sono molti milioni di uomini che potrebbero battersi col fucile».
Mi sono documentato un pò, Bossi ed i suoi scherani dovrebbero essere inquisiti per vari reati contro la Repubblica, secondo le vigenti norme.
E invece noi che facciamo : LI NOMINIAMO MINISTRI DELLA REPUBBLICA.

1) Art. 272 C.P. Propaganda ed apologia sovversiva o antinazionale : Chiunque nel territorio dello Stato fa propaganda per la instaurazione violenta della dittatura di una classe sociale sulle altre, o per la soppressione violenta di una classe sociale o, comunque, per il sovvertimento violento degli ordinamenti economici o sociali costituiti nello Stato, ovvero fa propaganda per la distruzione di ogni ordinamento politico e giuridico della societa', e' punito con la reclusione da uno a cinque anni.
2) Art. 291 C.P. Vilipendio alla nazione italiana : Chiunque pubblicamente vilipende la nazione italiana e' punito con la reclusione da uno a tre anni.

Non sono un avvocato ma ritengo che a simili personaggi non si debba permettere di fare certe affermazioni con l'investitura istituzionale che hanno, anzi in un Paese serio si dovrebbe procedere penalmente contro di loro.
Da noi, naturalmente no. E' molto pericoloso dare in pasto alle folle questi messaggi, all'inizio pare un gioco, poi il giocattolo sfugge di mano.
Ritengo che Bossi, Calderoli e tutti coloro che sposano queste tesi secessioniste siano responsabili degli atti che potrebbero scaturire dalle loro sconsiderate prarole. Non so dove andremo a finire, ma sicuramente non verso lo sato moderno e la società migliore auspicata dai Padri Costituenti.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Lega secessione delirio

permalink | inviato da riks66 il 20/6/2010 alle 18:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Giù la maschera
post pubblicato in diario, il 6 ottobre 2009


Quei geni assoluti della Lega stanno per colpire ancora.
Ecco, fresca fresca una proposta di legge in materia di "tutela dell'ordine pubblico e identificabilità delle persone" che pone il divieto di utilizzare "senza un giustificato motivo" caschi o qualsiasi altro tipo di oggetto o indumento che impedisca il riconoscimento della persona.
La solita frase "non siamo razzisti" ("sono loro che sono coperti", mi viene da dire, parafrasando un noto comico).

«Tra la tutela della libertà religiosa e la tutela della sicurezza dei cittadini - ha precisato la leghista Carolina Lussana - per noi la priorità è la sicurezza». La proposta della Lega lascia invariate le sanzioni della legge del '75 prevedendo l'arresto da uno a due anni e l'ammenda da mille a duemila euro oltre che la possibilità dell'arresto in flagranza.

Benissimo, faccio due considerazioni.

La prima : il pensionato torinese ucciso ieri su un autobus da un pugno in faccia sferratogli da un giovane teppista italiano avrebbe forse preferito incontrare una donna islamica col burqa che un italiano a volto scoperto, adesso sarebbe vivo. La sicurezza non si aumenta certo scoprendo il volto delle donne straniere, ma agendo sui valori della nostra società che è marcia da far schifo.

E poi ci dimentichiamo che per alcuni musulmani la rinuncia al velo è un grave insulto alla loro religione, un pò come togliere il velo ad una suora.

La seconda : le pagliacciate in maschera che spesso divertono i leghisti a Pontida, con tanto di cavalieri medievali in armatura e buffoni vestiti da capo tribù, si possono considerare un "giustificato motivo" per occultare il volto, o anche loro dovranno "togliersi la maschera"?

Ah è vero ... a Carnevale il divieto non vale ....

A furia di soffiare sul fuoco ci si brucia.






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lega burqa

permalink | inviato da riks66 il 6/10/2009 alle 17:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Lo strano asse Lega-mafia
post pubblicato in diario, il 28 settembre 2009
Geniale il sindaco (leghista) di Ponteranica (BG) che qualche giorno fa ha rimosso la targa che dedicava la biblioteca del paese a Peppino Impastato.
Simpatico il buontempone (leghista anche lui, ci scommetto) che ha segato in due l'ulivo piantato in memoria di Peppino Impastato, sempre a Ponteranica, lasciando in dote un'ironica scritta in puro dialetto bergamasco (lui preferiva un pino).
Appropriato l'intervento del ministro Castelli che ha definito "razzista" la manifestazione di protesta contro questi due fatti avvenuta ieri.
Peppino Impastato ... lui si che si può definire un vero "eroe" civile, uno che ci insegna che la libertà e la dignità non ci appartengono per grazia ricevuta, ma bisogna conquistarcele ogni giorno, a volte anche a costo della vita.
Che bella la canzone "Cento Passi" dei Modena City Ramblers che ricorda il suo sacrificio.
Questi gesti per un onesto cittadino sono pure e semplici provocazioni. Non da parte della mafia sicuramente, ma comunque dolorose e vigliacche, perchè esercitate nel nome dell'ignoranza contro i simboli più sacri dello Stato, i simboli che dovrebbero mostrare la via a tutti i cittadini e consolidare il comune senso civico. Già ma dimenticavo ... lo Stato, quello vero, unico ed indivisibile sancito dalla Costituzione, alla Lega interessa meno che zero.
Complimenti Lega, brillate sempre, come fulgide stelle, per la vostra becera ottusità.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lega mafia peppino impastato

permalink | inviato da riks66 il 28/9/2009 alle 11:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Perchè Napolitano tace ?
post pubblicato in diario, il 14 settembre 2009
Perchè il Presidente della Repubblica, prima carica dello Stato, garante della Costituzione e dell'unità del Paese non interviene quando tre ministri della Repubblica (che sulla Costituzione hanno giurato) partecipano ad una festa secessionista?
"La Padania sarà libera, con le buone o con le meno buone". Ad esporre questo semplice concetto è un ministro della Repubblica.
Perchè nessuno chiede le sue dimissioni? Qui non si sta discutendo di autodeterminazione dei Popoli (che comunque non esiste perchè la Lega in tutte le regioni del Nord fino ad ora non esprime la maggiornaza della popolazione). Qui la cosa grave, ed addirittura grottesca, è quella che a parlare di Secessione sia un ministro.
E non è la prima volta che succede. Lo stesso ministro qualche anno fa ci spiegò quale fosse il principale utilizzo del Tricolore da parte sua ....
Se non interviene il Presidente della Repubblica chi dovrebbe intervenire?
Solo in questa Italia poteva succedere.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napolitano lega

permalink | inviato da riks66 il 14/9/2009 alle 13:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia maggio        luglio