Blog: http://Riks.ilcannocchiale.it

Scheletri

A proposito di scheletri nell’armadio e passati ingombranti.



Il sindaco uscente di Milano l’altro ieri ha accusato il suo avversario politico, Giuliano Pisapia, di avere una storia politica da estremista avendo, a suo giudizio, frequentato in gioventù ambienti vicini al terrorismo di sinistra.

Ieri naturalmente il capo della Moratti ha rincarato la dose definendo Pisapia un «Alleato di violenti e facinorosi», mentre il sindaco uscente sarebbe di «tradizione moderata».
Proprio lui. Proprio lui parla, che di facinorosi se ne deve intendere avendo avuto come suo dipendente per anni un pluriomicida mafioso di Palermo, tale Vittorio Mangano, passato alla storia come “lo stalliere di Arcore”, o anche “l’eroe” a giudizio di Marcello Dell’Utri.
Proprio lui parla di passati ingombranti da nascondere quando tutti conoscono la sua appartenenza alla loggia P2, punta dell’iceberg dell’eversività massonica italiana. Ed ancora lui parla di scheletri quando dei suoi famosi 26 processi la maggior parte si è conclusa con l’archiviazione per decorrenza dei termini o per la derubricazione del reato attuata grazie alle leggi promulgate dai suoi governi.

La verità : HA PAURA di perdere a casa sua, ha paura che a Berluscolandia possa essere eletto un sindaco fuori dal suo controllo, un sindaco che magari voglia capirci qualcosa in più della devastante speculazione edilizia in città.

“Io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo, lo sono”

Pubblicato il 13/5/2011 alle 14.3 nella rubrica libere voci.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web