Blog: http://Riks.ilcannocchiale.it

La paura del diverso

In questi giorni abbiamo avuto un'idea di ciò che significa seminare nei cuori la paura del diverso.
Da molti esponenti della cosiddetta "maggioranza", quella ancorata pateticamente con l'attack ai propri privilegi, abbiamo ricevuto un campionario quasi completo di quello che significa davvero il termine "vilipendio alla Costituzione". Nell'articolo 3 è scritto che "Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali."
Vogliamo cominciare?
Carlo Giovanardi (sottosegretario con delega alle politiche per la famiglia) : "no a baci gay in pubblico, lo facciano a casa loro", oppure "Il termine famiglia usato dall'Ikea è lesivo della Costituzione italiana, perché per essa si deve intendere solo quella formata dal matrimonio tra uomo e donna".
Daniela Santanchè (sottosegretario con delega all'attuazione del programma) : "Pisapia riempirà la città di moschee, zingari e clandestini".
Roberto Castelli (Viceministro alle infrastrutture) : "Le violenze degli immigrati, che potrebbero diventare milioni nel corso del tempo, potrebbero obbligare le autorità ad usare le armi".
Umberto Bossi (Ministro delle riforme per il federalismo) : "gli immigrati è meglio prenderli dall'isola e rimandarli a casa loro, föra da i ball".
Ed infine lui, il Capo, Silvio Berlusconi (Presidente del consiglio dei ministri) : "I leader della sinistra sono incazzati perchè la mattina vanno in bagno, non che si lavino molto, si guardano alla specchio e si sono già rovinati la giornata“, oppure "tanti milanesi come me sono rimasti turbati dalle bandiere rosse con falce e martello", per concludere che "Pisapia trasformerà Milano in una città islamica, una zingaropoli, una Stalingrado d'Italia in mano ai centri sociali".
Riassumiamo : gli Italiani farebbero davvero bene a diffidare di omosessuali, zingari, islamici, immigrati, comunisti ed occupanti dei centri sociali. Loro sono "diversi", quindi per definizione "pericolosi", "inaffidabili" e potenzialmete "criminali", in altre parole "nemici" della società.
Questo è quanto il Governo Berlusconi ci sta offrendo in materia di diritti civili.
In altri tempi, in altri Paesi, lo spauracchio di ebrei, comunisti, zingari ed omosessuali ha portato a scrivere pagine molto tristi per l'intero genere umano.

Pubblicato il 21/5/2011 alle 16.19 nella rubrica libere voci.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web